Il corso mi ha fornito tutti gli strumenti necessari per affrontare l’esame ditals. È stato ben strutturato e bilanciato alternando teoria e pratica. Gli interventi formativi sono sempre stati interessanti e incentrati sull’interazione. Durante le simulazioni delle prove d’esame c’è stata una collaborazione molto positiva tra i formandi, che ha permesso la circolazione e la condivisione di idee e punti di vista differenti. La creazione del materiale didattico da svolgere a casa ha offerto spunti di riflessione validi, nati dal confronto con il formatore e con la classe. Il formatore sempre presente e disponibile, ha saputo guidare la classe abilmente, consentendo a tutti di imparare e consolidare le nuove conoscenze, in un clima piacevole e accogliente.

(Emanuela Paciotti, maggio 2015)

Il corso di preparazione all’esame ditals mi è stato di grande aiuto in quanto mi ha stimolato ancora di più a intraprendere il percorso d’insegnamento. Paolo, il nostro co-ordinatore, ha saputo unire in maniera brillante teoria e pratica. Ci ha preparati al peggio per affrontare con minore difficoltà l’esame in sé. La gradualità del percorso è stata costante permettendo a tutti una globale comprensione di contenuti. Alla fine del mio percorso posso dire di essere contenta di aver partecipato e molto incoraggiata nel superamento dell’esame.

(Ilaria Vitter, maggio 2015)

Credo che questo corso di formazione Ditals sia fondamentale per la preparazione all’esame, soprattutto se non si possiede nessuna conoscenza glottodidattica. Il corso è ben strutturato e l’alternanza di fasi teoriche e di attività che prevedono la creazione di materiali sono utili per capire e mettere in pratica quanto acquisito. Un’altra cosa che ho trovato molto utile sono le simulazioni delle varie tipologie d’esame. L’insegnante è sempre stato molto disponibile e il metodo che utilizza è sempre chiaro ed efficace, e allo stesso tempo mi è piaciuto il modo in cui la classe è stata gestita, ovvero con una certa dinamicità, ma senza forzare troppo, è stato dato spazio a tutti sia come singoli, che come gruppo, incentivando anche lo spirito di collaborazione tra di noi. È  stato un percorso molto interessante e molto utile e consiglierei sicuramente questo corso a chiunque intende sostenere l’esame.

(Enrica Trevisan, maggio 2015)

Il corso di quattro settimane qui alla Happy Languages è stata per me un’esperienza oltremodo costruttiva, interessante e positiva. L’insegnante, Paolo La Gamma, è stato sempre preparatissimo nel rispondere a ogni mia domanda, e mi ha, fin da subito, fatto sentire a mio agio, mi ha sempre incoraggiata anche nei momenti di difficoltà, che sono stati e saranno sicuramente moltissimi e mi ha sempre spronata a essere più creativa e a fare meglio.

(Eleonora Falovo, maggio 2015)

Studentessa di lingue straniere si trova a insegnare la propria lingua a stranieri in maniera del tutto “a tentoni”. Cercando di professionalizzarmi nell’insegnamento della lingua italiana ho partecipato al corso di preparazione dell’esame Ditals sostenuto da Paolo di Happy Languages. Dire che mi sono trovata bene è dir poco. Il corso mi ha insegnato non solo le procedure e il sistema dell’esame ditals ma mi ha del tutto aperto la mente su cosa significa l’essere insegnanti. La costante ricerca e riflessione sulla lingua e sulla cultura è uno dei tanti valori che in particolare questo corso mi ha trasmesso. Sapevo che fare l’insegnante di italiano mi sarebbe piaciuto ma grazie a questo corso e la serietà e la preparazione di Paolo ho capito che essere insegnanti di lingua è qualcosa che va ben oltre le mie aspettative. Paolo è riuscito a trasmettermi l’amore e la passione che si possa avere nell’insegnare italiano a stranieri. Ringrazio fortemente e consiglio questo corso a tutti coloro che hanno anche solo la curiosità di insegnare la propria lingua.

(Noemi Simone, Maggio 2015)

Sono stata molto contenta di frequentare questo corso perché mi ha insegnato più di quanto mi aspettassi. È stato un luogo di lavoro che ha stimolato la mia creatività e mi ha fatto nascere tante domande sulla professione dell’insegnante. Mi sono trovata in sintonia con la concezione di insegnamento come vocazione, cioè come spazio di crescita e dialogo continuo per il vero insegnante che è disposto a mettersi in discussione.

(Francesca Bruschi, Maggio 2015)

L’esperienza nella scuola Happy Languages è stata interessante! Il corso DITALS e l’osservazione delle lezioni sono stati di grande aiuto per la mia formazione!! Consiglio vivamente la scuola e il corso a chi vuole fare un’esperienza teorica e pratica nel campo dell’insegnamento dell’italiano L2.

(Marzia Pellerito, Novembre 2014)

Insegnati fantastici, ambiente piacevole. Il corso ditals è stato molto utile per la mia formazione. Esperienza eccezionale!!!

(Rossella Spina, Novembre 2014)

L’inizio del corso da 30 ore di glottodidattica ad Happy Languages è stato dedicato ad una presentazione dei vari approcci e delle varie metodologie di insegnamento delle lingue.
Dopodichè abbiamo analizzato nel dettaglio le differenti parti che compongono l’esame Ditals II.
Infine ci sono state delle vere e proprie simulazioni d’esame con relativi feedback che si sono rivelati molto utili e preziosi.
Le parti teoriche sono state presentate in una maniera molto dinamica e coinvolgente con attività in coppia ed in gruppo; un’atmosfera rilassata ed amichevole ha contribuito al nascere di confronti stimolanti e fruttuosi. A testimonianza dell’efficacia di questo metodo è sufficiente dire che tutti i partecipanti del corso, secondo i risultati delle simulazioni, avrebbero superato l’esame senza aver dovuto leggere la ricca bibliografia. 
Ovviamente questo non è un invito a non studiare in quanto il punteggio finale può essere sempre migliorato ed occorre essere preparati anche alle domande più disparate ed imprevedibili.
Inoltre Happy Languages offre la possibilità di svolgere un tirocinio utile per raggiungere le 300 ore di insegnamento necessarie per rientrare nei requisiti per il Ditals II. Per me questa è stata un’occasione fantastica per fare esperienza in una metropoli multiculturale come Londra e per lavorare a stretto contatto con il direttore Paolo La Gamma che mi ha trasmesso la sua passione per questo mestiere.

(Michele Piscitelli, Novembre 2014)